Le stereoscopie di Gino Torresi

Progetti Strategici

Indietro
area: Progetti Strategici
Una città per gli archivi

Le stereoscopie di Gino Torresi

Le stereoscopie di Gino Torresi

L'inventario della raccolta fotografica di stereoscopie di Gino Torresi è stata pubblicata da archIVI all'interno del progetto Una città per gli archivi. La collezione, conservata presso la Fondazione del Monte e descritta nel corso del 2015, è composta di 264 lastre stereoscopiche su vetro della famiglia Torresi: sono vedute di città e località italiane, alcune rappresentano eventi pubblici del periodo che va dal 1910 al 1946. Torresi, dipendente pubblico e fotografo amatoriale, nacque nel 1892 a Massa, in Toscana e realizzò le fotografie durante le vacanze o in occasioni speciali, nel corso della sua vita.

La stereoscopia è una tecnica di realizzazione e visione di immagini, che dà un’illusione di tridimensionalità. Si trasformò in una moda dilagante nella seconda metà dell'Ottocento, per poi venire a poco a poco soppiantata dopo l’invenzione del cinema. Oggi, con la “riscoperta” della realtà virtuale e di visori VR, stanno nascendo vari progetti per valorizzare le collezioni di stereoscopie.

La New York Public Library ha sviluppato una piattaforma online che permette di restituire alle collezioni di immagini stereoscopiche la terza dimensione grazie all'utilizzo di gif animate o alla creazione di anaglifi visionabili con occhiali a lenti blu e rosse. Per questa ragione un campione di 40 immagini stereoscopiche dell'Archivio fotografico di Gino Torresi sono state caricate su Flickr da Città degli Archivi e da qui prelevate e caricate sul portale Stereogranmator che permette di creare le visualizzazioni 3D a partire dalle lastre digitalizzate.