Un'App per esplorare Palazzo Magnani

News

Premiati i giovani creativi

Un'App per esplorare Palazzo Magnani

Un'App per esplorare Palazzo Magnani

Una App per esplorare i fregi dei Carracci e una strategia di promozione per promuovere il percorso espositivo. Con queste idee i giovani creativi under 30 Fiammetta Cantini e Michele Luccioletti, Andrea D’Apruzzo e Aurora Vasinton hanno vinto il concorso di idee lanciato da Fondazione del Monte di Bologna e di Ravenna e da UniCredit per valorizzare il patrimonio artistico della Quadreria di Palazzo Magnani. Il bando, rivolto a studenti e laureati dell’Accademia di Belle Arti e dell’Università di Bologna e ai diplomati delle scuole d’Arte di Bologna, mirava a individuare nuove idee per diffondere la conoscenza e la fruizione delle opere custodite a Palazzo Magnani.

Il primo premio di 5.000 euro è andato alla proposta presentata dai laureati dell’Accademia di Belle Arti Fiammetta Cantini, 24enne fiorentina, e Michele Luccioletti, 25enne di Piombino. Il progetto prevede lo sviluppo di un’applicazione mobile per esplorare il fregio dei Carracci. “L’affresco è molto alto ed è difficilissimo coglierne i dettagli a occhio nudo” hanno spiegato Cantini e Luccioletti, “attraverso le  riproduzioni ad alta definizione all’interno dell’applicativo ogni particolare è invece a portata di tap e ingrandibile a piacimento”. L’applicazione permetterà inoltre di accedere ad approfondimenti sull’opera, sui Carracci e sulla storia di Lorenzo Magnani, con contenuti adatti a un pubblico dai 13 anni in su.

“Immergersi nelle ‘Storie dei Carracci’ vuol dire aprirsi alla conoscenza di un patrimonio stratificato, che passa dal Palazzo, dalla sua Quadreria, fino a uscire dalle sue porte e riversarsi nella città di Bologna. Valorizzare il fregio significa valorizzare tutto il patrimonio circostante”.

I secondi classificati, a cui va un premio di 3.000 euro, sono Andrea D’Apruzzo (pistoiese classe 1991) e Aurora Vasinton (26enne milanese), entrambi laureati in Arti visive all’Università di Bologna, che hanno presentato una strategia integrata di comunicazione e marketing per promuovere il percorso espositivo di Palazzo Magnani, con particolare attenzione ai più giovani e al turismo internazionale. 

Le foto sono Marco di Baldassarri (UniCredit Art Collection)