Ritorna Omaggiovani

News

Indietro
area: Cultura
Al Ravenna Festival

Ritorna Omaggiovani

Ritorna Omaggiovani

Al Ravenna Festival ritorna Omaggiovani, il carnet di 5 biglietti omaggio per gli under 26 offerto dalla Fondazione del Monte. 

Dal 2002 è una delle iniziative più attese e apprezzate dal pubblico più “giovane” della manifestazione: per la sua sedicesima edizione – ancora una volta resa possibile dal consolidato impegno della Fondazione del Monte di Bologna e Ravenna per avvicinare le nuove generazioni alla cultura e alle arti – Omaggiovani invita a teatro (e non solo) 500 ragazzi fino a 26 anni (nati dal 1 maggio 1990). Ai biglietti omaggio per 5 spettacoli del Festival, che anche per questa XXVIII edizione sa mescolare la grande tradizione alle suggestioni dei linguaggi contemporanei, si aggiunge l’opportunità di visitare la mostra fotografica “Musiche” di Lelli e Masotti al Museo d’Arte della Città, dal 19 maggio all’11 luglio.  
 
I carnet 2017 saranno in distribuzione da venerdì 19 maggio, ore 15, con le seguenti modalità: 250 in biglietteria al Teatro Alighieri - che per l’occasione osserverà un’apertura pomeridiana straordinaria (sarà possibile ritirare fino ad un massimo di 4 carnet presentando copia del documento di identità di ogni amico) - e 250 tramite la pagina Facebook di Ravenna Festival.
 
Il percorso comune di Omaggiovani 2017 (due le tipologie tra cui scegliere, fino ad esaurimento della disponibilità, con spettacoli in parte diversi) comincia da Inferno, lo straordinario viaggio nei paesaggi danteschi creato da Marco Martinelli ed Ermanna Montanari: è possibile scegliere fra una delle 34 recite (dal 25 maggio al 3 luglio, tutti i giorni tranne il lunedì e sabato 17 giugno), per partire alla scoperta della Commedia che si fa teatro grazie alla partecipazione di oltre 600 cittadini ravennati. Altra tappa comune, questa volta al confine fra India e Occidente, è Junun, il progetto firmato dal chitarrista dei Radiohead Jonny Greenwood con Shye Ben Tzur e la band The Rajasthan Express, e non manca la possibilità di scegliere liberamente il quinto spettacolo fra tutti gli eventi 2017.
 
Il Carnet A offre da una parte uno spettacolo di danza, l’esuberante creazione futurista Uccidiamo il chiaro di luna (1 giugno al Teatro Alighieri) con le coreografie di Silvana Barberini; dall’altra un appuntamento di sinfonica: l’omaggio a Franz Joseph Haydn vedrà salire sul palco Accademia Bizantina diretta da Ottavio Dantone, con Giovanni Sollima solista nel concerto per violoncello (12 giugno al Pala De André).
 
Il Carnet B celebra il genio di Dmitrij Šostakovič, il compositore che fu testimone del fallimento degli ideali della Rivoluzione Russa: mentre 1917 nuova produzione commissionata a ErosAntEros (28 giugno al Teatro Alighieri) si compone delle parole di coloro che salutarono con gioia l’avvento della Rivoluzione ma anche delle note del quartetto di Šostakovič dedicato alle vittime dei totalitarismi, l’Orchestra Filarmonica di San Pietroburgo diretta da Yuri Temirkanov (4 luglio, Pala De André) eseguirà la celebre Sinfonia n. 7 “Leningrado” e il concerto per pianoforte, tromba e orchestra n. 1, solista il talentuoso Denis Matsuev.

Per informazioni: tel. 0544249244 – tickets@ravennafestival.org