L'incontro tra grandi del jazz e giovani musicisti

News

Indietro
area: Cultura
Bologna Jazz Festival

L'incontro tra grandi del jazz e giovani musicisti

L'incontro tra grandi del jazz e giovani musicisti

E' stato un successo il concerto-saggio degli Allievi del Conservatorio “G. B. Martini” di Bologna, che si è tenuto nell’ambito del Bologna Jazz Festival domenica 5 novembre all’Unipol Auditorium. E'  l’appuntamento culminante del progetto didattico “Massimo Mutti”.

Dedicato alla memoria dell’ideatore e fondatore del rinato Bologna Jazz Festival e organizzato dall’Associazione Bologna in Musica, il progetto didattico “Massimo Mutti” è realizzato con il contributo della Fondazione del Monte di Bologna e Ravenna, in collaborazione con il Dipartimento Jazz del Conservatorio “G. B. Martini” di Bologna, il Liceo Musicale “L. Dalla” e BilBOlbul - Festival internazionale di fumetto.

Giunto quest’anno alla quinta edizione, il progetto didattico “Massimo Mutti” è un momento di importante approfondimento culturale col quale il Bologna Jazz Festival mette in collegamento celebri e affermati professionisti della scena jazzistica con giovani nel pieno della loro fase formativa, che possono così confrontarsi sui temi della composizione, l’improvvisazione e l’estetica sia nel campo della musica che del disegno. Rivolto agli studenti del Conservatorio “G. B. Martini” di Bologna, del Liceo Musicale “L. Dalla”, dell’Accademia di Belle Arti di Bologna e del Liceo Artistico di Bologna, quest’anno il progetto didattico si è notevolmente arricchito rispetto alle sue prime edizioni: una stratificata attività fatta di incontri con Chick Corea e Spike Wilner e completata da una masterclass avviata sotto la guida del sassofonista Steve Lehman (uno dei big del cartellone del BJF 2017) e poi completata sotto la direzione di Nicola Fazzini. È proprio nel corso di questo workshop che gli allievi del Conservatorio si sono familiarizzati con le composizioni originali di Lehman, che sono state al centro della loro esibizione dal vivo.

In apertura del concerto è stato consegnato il Premio “Massimo Mutti”, consistente in due borse di studio che consentiranno agli allievi premiati di partecipare, grazie al contributo della Fondazione, ai corsi internazionali di perfezionamento estivi 2018 realizzati dalla Fondazione Siena Jazz – Accademia Nazionale del Jazz.