beBOPP, un “parco tascabile” a Bologna

News

Indietro
area: Territorio
Rigenerazione urbana

beBOPP, un “parco tascabile” a Bologna

beBOPP, un “parco tascabile” a Bologna

Riattivare la vita del quartiere, generare coinvolgimento sociale e senso di appartenenza, incoraggiare le persone a vivere lo spazio pubblico e a relazionarsi, contribuire alla conservazione della biodiversità e del verde urbano. Sono gli obiettivi di beBOPP, il Bologna Pocket Park, un “parco tascabile” realizzato in via della Beverara 129 in un tratto di strada pedonale tra due caseggiati, connesso al vicino Museo del patrimonio industriale e ai nuovi dipartimenti dell’Università, che da tempo era stato trascurato.

Nato nell’ambito di un Patto di collaborazione tra il Quartiere Navile di Bologna e l’associazione Landeres – paesaggi resilienti con il sostegno della Fondazione del Monte, beBOPP è un progetto di riappropriazione dello spazio pubblico per creare nuove centralità nei quartieri attraverso l’ecologia e la tecnologia. L’elemento più innovativo di beBOPP  è il focalizzarsi sullo sviluppo locale e sull’interazione design-paesaggio urbano come fonte di benessere per le persone.

La rigenerazione di questa piccola tessera del tessuto urbano l’ha infatti dotata di una funzione sociale, a beneficio della comunità locale e di quelle vicini; di una funzione ambientale attraverso il ripristino di un piccolo “rain-garden”; di una funzione urbanistica, riqualificando un’area potenzialmente strategica.

Un sistema di sedute, contenitori per arbusti in vaso e un filare in siepe arbustiva sono i pochi elementi che costituiscono il Pocket Park: la seduta multipla, elemento centrale del progetto, richiama nel disegno in pianta un ferro battuto, omaggio alla storica officina del limitrofo edificio fluviale, il Battiferro, al cui completamento contribuì il Vignola nel 1548. Approccio minimale sia per il design che il materiale utilizzo, una lega alluminio-magnesio in lamiere di 3 mm ripiegate in un unico manufatto a chiocciola, icona del progetto stesso.

Ma non è finita qui: altro elemento importante che caratterizza beBOPP è il coinvolgimento (grazie a un altro patto di collaborazione con il Quartiere Navile) di un cittadino residente in via della Beverara, e attualmente disoccupato, nelle attività quotidiane di cura e di manutenzione del parco.