A Bologna una Summer school su migranti e asilo

News

Indietro
area: Territorio
#MigrationSchool

A Bologna una Summer school su migranti e asilo

A Bologna una Summer school su migranti e asilo

Dopo una settimana di analisi e approfondimenti sul tema dell’integrazione lavorativa dei migranti e dei richiedenti asilo, la “Summer School on Migration and Asylum”, organizzata dall’associazione Africa e Mediterraneo in collaborazione con la società cooperativa Lai-momo, grazie al co-finanziamento della Fondazione del Monte di Bologna e Ravenna, propone un appuntamento finale di restituzione e di condivisione dei risultati.

I lavori conclusivi della Summer School avranno luogo sabato 14 luglio dalle ore 10 a Lama di Reno, presso il Polo formativo, produttivo e di accoglienza. Il Polo ha una triplice natura: è sede di un Centro di accoglienza straordinaria (CAS) per richiedenti asilo, gestito da Lai-momo per conto della Prefettura di Bologna; ospita un progetto di formazione laboratoriale nel settore della pelletteria e della sartoria, realizzato sempre da Lai-momo in collaborazione con il programma EFI (Ethical Fashion Initiative) dell’International Trade Centre delle Nazioni Unite; è infine sede della cooperativa sociale Cartiera, una start-up di impresa sociale, attiva nella produzione di accessori in pelle e tessuto.

In occasione dell’evento, durante il quale verranno consegnati anche gli attestati di partecipazione agli studenti della Summer School, interverranno Andrea Marchesini Reggiani, presidente di Lai-momo, Rudi Anschober, ministro regionale per la Migrazione e l’Integrazione dell’Alta Austria, Giulia Galera, ricercatrice presso l’European Research Institute on Cooperative and Social Enterprises (Euricse) e Luca Ultori, Ikea Store Sustainability Specialist.

Presso il giardino del Polo, sarà inoltre visitabile un Refugee Housing Unit (RHU) Better Shelter, un modello innovativo di modulo abitativo, realizzato e promosso da Ikea Foundation in collaborazione con Unhcr (l’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati).